Trekking in Costa Smeralda stazzo Chjicculeddha e Tegghja beccu

| | ,

Un bellissimo percorso che dalla famosa terrazza panoramica della SP94 attraversa antiche mulattiere, vecchi stazzi in un contesto paesaggistico molto interessante.

Tra i tanti Sentieri della Costa Smeralda di cui vi abbiamo parlato nei precedenti articoli, ve ne sono diversi altri molto belli e panoramici. Il nostro amico Antonello Azara e il Consorzio Costa Smeralda stanno davvero facendo un ottimo lavoro!

Si tratta di escursioni semplici, mai veramente impegnative ma che permettono di conoscere angoli davvero incontaminati di questa costa. Vecchi stazzi galluresi, muretti a secco e suggestive formazioni granitiche, sono solo alcune delle cose che si possono ammirare.

avvicinamento-allo-stazzo-chjicculeddha

Uno di questi sentieri parte in prossimità del parcheggio panoramico sulla strada provinciale 94.

Poco più avanti si trova anche un piccolo spiazzo ma sufficiente per una sola macchina. Consigliamo di parcheggiare un pochino prima e fare attenzione mentre si raggiunge il sentiero; la strada specie durante la stagione estiva è parecchio trafficata.

sentiero-in-salita-per-chjicculeddha

A un centinaio di metri dal parcheggio si stacca a sinistra un sentiero in salita che in poco tempo ci fa raggiungere i ruderi del vecchio stazzo Chjicculeddha. Il percorso si snoda lungo piccoli rilievi granitici e macchia mediterranea. In questo periodo con la fioritura della lavanda e delle ginestre è davvero uno spettacolo.

lo-stazzo-chjicculeddha

Per raggiungere il rudere facciamo una piccola deviazione di pochi metri. Fate molta attenzione perché è davvero pericolante. Si trova poco sotto il rilievo di Monte di Lu Mandrione.

Visitato lo stazzo, uno dei tanti che si possono trovare in Costa Smeralda, riprendiamo il sentiero per chiudere l’anello. Alla prima chiara deviazione in prossimità dei muretti a secco che delimitano le varie proprietà, possiamo scegliere di visitare lo stazzo de La Minda di la Ramina oppure prendere il sentiero alla nostra sinistra sino a raggiungere il rilievo di Tegghja Beccu.

Da qui il panorama è molto bello e spazia dalla baia del Cala di Volpe sino a Razza di Juncu ed è visibile anche l’isola di Tavolara.

panorama da Tegghja Beccu

Se decidete di visitare l’altro stazzo ricordatevi che poi dopo dovete tornare a ritroso per chiudere l’anello.

I km totali, dell’intero percorso sono circa 3, 5 considerando che vi muoverete anche tra i rocciai per fare qualche scatto. Se invece volete chiudere l’anello senza visitare l’altro stazzo, i km sono circa 2,5.

pinnacolo-di-granito-in-costa-smeralda

E’ possibile fare un ulteriore percorso che qualche centinaio di metri dopo sulla destra vi porta alla bellissima spiaggia di Liscia Ruja. Potete lasciare l’auto direttamente nei parcheggi e fare un bellissimo giro ad anello davvero completo. Nel periodo estivo i parcheggi sono a pagamento.

Escursione alla portata di tutti, dislivello max 90 m. Durata max del trekking completo 2 ore incluse soste, noi nel nostro giro abbiamo impiegato poco più di un’ora. Ricordate di portare con voi acqua e snack e possibilmente pantaloni lunghi per evitare di graffiarvi. E’ possibile che in qualche tratto la macchia mediterranea e le ginestre sporgano un pochino sul sentiero.

Gli altri trekking in Costa Smeralda:

Su wikiloc potrete trovare la nostra traccia e seguirla.

Powered by Wikiloc

Se invece voleste acquistare la Guida completa realizzata da Corrado Conca potrete farlo qui:

(Visited 85 times, 1 visits today)
Precedente

Camminare e fare trekking per combattere l’ansia

Scarpe Trezeta

Successivo