Sulle Creste di Bacu Padente

| |

Avvicinamento al 1° salto

SCHEDA COMPLETA AGGIORNATA AL 2019

Che emozione da il panorama dal primo salto di Bacu Padente?
Sicuramente qualcosa di indescrivibile. La parete che si apre a strapiombo sul mare e il panorama da brivido su Biriala.
Emozioni in lungo il mitico Selvaggio Blu!
Avvicinamento non banale è molto facile sbagliare una volta in cresta, su sentiero nient’affatto facile e spesso instabile.

avvicinamento creste bacu padente

L’avvicinamento può variare dai 40 minuti a 1 ora a seconda del gruppo.

Dal parcheggio delle macchine in località Olobizzi, si prosegue lungo la sterrata alla nostra destra (cioè dal lato del mare), dopo circa un centinaio di metri in corrispondenza di una curva a sinistra si stacca un sentiero in discesa sempre a destra che poi riprende a salire leggermente verso la cresta. Sarà bene utilizzare scarpe robuste perché il calcare sulla cresta (specie se ci si sposta dal sentiero) è costituito dai classici “campi solcati” cioè lame affilate che possono essere anche pericolose in caso di caduta.

Alcuni omini ci possono agevolare nell’individuare il percorso. Il sentiero, specie sotto la cresta, è rovinato e non sempre facile da individuare. Alcune pietre sono instabili e bisogna fare attenzione. Qualche piccola disarrampicata agevolata da dei tronchi di ginepro ci porterà più agevolmente verso il primo salto.

L’armo è molto esposto e bisogna attrezzare un corrimano. Alcune corde sono già sul posto, assai logorate. Noi consigliamo un nuovo attrezzamento. La  sequenza delle calate inizia poco più sotto. Le prime 3 di circa 30 m ciascuna sono abbastanza  ravvicinate.

primo salto bacu padente

WP Partenza: 40°08.040’N – 009°39.278’E

WP 1° salto: 40°08.353’N – 009°39.552’E

Scarica traccia completa

SCHEDA COMPLETA AGGIORNATA AL 2019

(Visited 222 times, 1 visits today)
Precedente

Da Punta Salinas a Cala Goloritzè in corda doppia

Ardia di Sedilo

Successivo