S’intrada a manca de Fuili

| |

Variante in corda doppia del percorso di abseiling nella Codula di Fuili

Bellissima e tecnica variante del percorso più celebre delle calate in corda a Fuili. Un caloroso ringraziamento a chi ha realizzato questo percorso (non sappiamo chi sia ma ha avuto un’ottima intuizione).

Le nuove calate sono 4, tutte intorno ai 30 metri in alcuni punti assolutamente non banali.

Le possibilità di accesso sono due: fare un percorso di avvicinamento dal sentiero di Toddeitto oppure impostare le auto vicino al vascone lungo la strada di Nuraghe Mannu. Le abbiamo provate entrambe.

Se si sceglie la seconda soluzione L’avvicinamento è semplice e in pochi minuti permette di arrivare al primo salto.

cala-fuili
Cala Fuili, il nostro punto di partenza e arrivo.

Il percorso inizia nei pressi di un vascone della raccolta dell’acqua lungo la strada dopo l’Agriturismo Nuraghe Mannu e poco prima dell’ingresso classico della codula di Fuili. Dopo il ponticello infatti, si trova l’accesso del sentierino, inizialmente senza omini. Non è difficile orientarsi, basta guardare verso le pareti di basalto che sovrastano la codula, andare in quella direzione per trovare i primi omini e quindi intercettare il primo salto. Abbiamo comunque registrato la traccia e alcuni wp.

ginepro-prima-calata
Il ginepro e la sosta della prima calata.

La prima calata è più di 30 metri, con l’attrezzamento a corde bloccate e con nodo di fine corda, la nostra corda da 60 è stata appena sufficiente. Il nostro consiglio è di portarsi una corda da 65/70 m per fare tutto in tranquillità. Possiamo considerarlo un salto da 35 m.

marco-primo-salto-alla-sosta
La sosta è su un grosso ramo doppiata anche sul tronco principale, molto solida.

Il salto è attrezzato su un bellissimo e grande ginepro. Una maglia rapida singola.

Le corde non toccano mai, perchè sono stati sistemati dei proteggi corda in legno davvero ben fatti.

maroc-prima-calata
Una bella verticale, tra ginepri e rosmarini selvatici, se ne sente il profumo mentre si scende.

Arrivati alla base del salto e recuperate le corde si scende leggermente e ci si porta su uno spuntone di roccia.

Ci spostiamo alla nostra sinistra guardando la codula e si può facilmente individuare un corrimano in corda che permette di guadagnare la piccola vetta dove è posto l’armo del secondo salto.

avv-seconda-calata
Questo pinnacolo dal quale parte la seconda calata ha una bellissima posizione panoramica sulla codula di Fuli
avv-seconda-calata_1
Alle spalle di Marco un incredibile ginepro ormai morto e le colonne di basalto che sovrastano la codula
Seconda calata S'intrada a manca 'e fuili
Io mentre mi calo al secondo salto, il buio che si vede è il fondo della codula circa cento metri sotto.

La calata che non supera i 28 metri è attrezzata su doppi anelli. Molto spettacolare e panoramica.

Da qui si arriva subito ad un mancorrente in corda che ci permette di arrivare in sicurezza alla terza calata. Anche qui doppi anelli. Sono stati sistemati dei gradini per facilitare la sosta. Proteggi corda in legno e ginepro aiutano a non far sfregare le corde.

buco-di-roccia
Una spettacolare finestra di roccia in prossimità della seconda calata dalla quale è possibile vedere chi scende.
marco alla sosta della terza calata S'intrada a manca 'e fuili
La sosta della seconda calata, abbastanza comoda occorre fare attenzione a non far cadere pietre

Occhio alla caduta pietre.

La terza calata, di circa 26 metri atterra su un terreno instabile caratterizzato da ciottolame sciolto che tende a cadere di sotto, si tratta di una cosa da valutare perché ci troviamo proprio sopra il salto del traverso dentro la codula quindi massima attenzione.
Consigliamo di evitare di percorrere questo tratto in giorni affollati.

vista-panoramica-dalla-seconda-calata
Panorama dalla seconda calata.

Gli spostamenti per raggiungere l’armo causano la caduta di pietre anche facendo molta attenzione, per cui è necessario verificare se è possibile, che non vi sia nessuno che in quel momento sta attraversando il tratto per calarsi dal traverso.

L’armo per questo salto anche qui è raggiungibile grazie ad una corda fissa. Doppi anelli e giù per una bella calata di quasi 30 metri che termina con un tratto nel vuoto.

S'intrada a manca 'e fuili. La quarta calata vista dal basso.

Siamo in prossimità del traverso. Da qui il resto delle calate sono quelle del percorso classico.

Sequenza calate: 35 – 28 – 26 -30 – (20 – 15 -6 le classiche)

Sul nostro account di Wikiloc abbiamo caricato la traccia e i waipoint di riferimento delle prime tre calate, compreso l’avvicinamento di trekking dal parcheggio di Cala Fuili.

Powered by Wikiloc
(Visited 9 times, 1 visits today)
Precedente

Castello de Sa Paulazza

Trekking in Sardegna marzo-giugno 2020

Successivo