Tzia Maria di Zuri

di
in

tziamaria03

Zuri, piccola frazione di Ghilarza, 165 abitanti appena, forse neanche.  Sino ai primi del ‘900 sorgeva dove oggi una distesa d’acqua forma il lago Omodeo. Ricostruito più  su nel 1922, pietra su pietra, mattone su mattone, così come l’antica Chiesa di San Pietro Apostolo che ora guarda al lago quasi con nostalgia. E’ Tzia Maria a raccontare, la custode di questo tempio da ormai non si sa più quanti anni, lei che ne ha 75; non è una guida turistica, di guide a Zuri non c’è nè, “non abbiamo nemmeno un negozio”, dice.

tziamaria06Non c’è nulla a Zuri, a parte la Chiesa, la sua storia, il suo panorama. Eppure nei volti di queste persone si legge qualcosa. Parla con lo sguardo e con i gesti tzia Maria, mentre per un attimo ci rende partecipi della storia; parlano le sue mani che stringono chiavi, parla con gli occhi che le brillano d’orgoglio.

Non ci resta che ascoltare dunque, la custode del tempio….la custode del tempo.

(Visto 63 volte, 4 oggi)