Nuraghe Serbissi

di
in

Nei Tacchi d’Ogliastra svetta uno dei più imponenti nuraghi della Sardegna.

Nei nostri giri alternativi nell’isola spesso ci troviamo a passare in zone isolate e veramente lontane dal turismo di massa. Conoscevamo già di nome il Nuraghe Serbissi e più volte siamo passati ad Osini senza però mai soffermarci più di tanto.

Domenica è stata la volta buona e dobbiamo dire che è stata perfetta anche fotograficamente.

Dall’abitato di Osini, bene segnalato da un ottimo lavoro di cartellonistica e sistemazione dei sentieri, andare in direzione di Scala San Giorgio e Nuraghe Serbissi, quest’ultimo dista 6 km dall’abitato. Vi suggeriamo di fare una sosta alla Scala di San Giorgio, merita davvero, soprattutto il panorama!

La strada per raggiungere il nuraghe è in buonissime condizioni, anche la sterrata di 3 km. Lascerete la macchina a 200 m dalla biglietteria.

Il Nuraghe si trova proprio sull’altipiano a quasi 1000 m di altezza e domina gran parte del Taccu di Osini.  Poggia su rocce calcaree ed è stato edificato proprio sopra una grotta, visitabile, con due uscite.

La struttura è molto ben conservata, nonostante qualche piccolo intervento di restauro. La torre risulta pressoché integra e non ha subito interventi. Svetta dalla struttura trilobata per 6 m e gode di un panorama mozzafiato. Dalla sommità infatti si può scorcere in maniera perfetta anche il Tacco di Perd’e Liana.

Le altre due torri probabilmente sono state costruite in epoche successive, ma ciò non toglie affatto il fascino e la bellezza dell’intera struttura e del suo adiacente villaggio.

Vi lasciamo alcune immagini del Nuraghe che ovviamente parlano da sole e ne mostrano a pieno la bellezza.

Qui invece il link della mappa per poterlo raggiungere.

 

 

(Visto 96 volte, 3 oggi)

This post is also available in: English